FANDOM


8 novembre "Un viaggio verso un luogo sinistro..." 10 novembre

Il 9 novembre 2012 sono state aggiunte nuovi informazioni nella bacheca d'investigazione di P.A. Chapeau. Il titolo del giorno è "".

Pensiero del giorno Modifica

"Le forme sono a volte strane"

"Alcune di esse mostrano proprietà che non sono ancora state spiegate."

Una cosa è certa, sono sicuro che non siamo più in Kansas...

-PAC
Traduzione (Originale)

Parola del giorno Modifica

PAREIDOLIA
L'abilità del cervello umano di vedere forme anche se sono solamente accennati da deboli linee e ombreggiature.
Traduzione (Originale)

Indagine scientifica di Devra, 1 Modifica

L'apostrofo usato nel pensiero del giorno è in realtà un collegamento che porta ad un file audio, in cui si può così ascoltare un file audio in cui si parla di Devra Bogdanovich, e sembra essere il continuo del file audio del giorno prima.

Db2
Mi chiese da dove venivano le mie idee. Era come se stesse vivendo nella mia testa. Mi sorrise. Disse: "lo so perché in una disciplina molto diversa ho avuto le stesse domande. Francamente credo che siamo entrambi in comunicazione con...". E risposi prima di lei, dicendo: "un potere superiore". "Non direi superiore," replicò lei, "Direi diverso. Sembra che vogliano qualcosa da noi".
Traduzione (Originale)

Alla fine della stessa pagina si può leggere un estratto della voce di Wikipedia Afflatus, in cui si parla del termine usato da Marco Tullio Cicerone in De natura deorum, afflatus.

Il termine "ispirazione" derivava dalla mancanza d'aria nel momento della creazione di nuove idee, ma il già ai tempi di Cicerone veniva usato in modo figurato e non più fisico. Cicerone introdusse così il termine "afflatus" per enfatizzare la mancanza fisica d'aria durante i momenti di ispirazione creativa.

"Quando 'ispirazione' venne usato come sinonimo di nuove idee, Cicerone ristabilì l'idea di mancanza inaspettata di fiato, una potente forza che avrebbe reso il poeta inerme e inconsapevole della sua origine."
Traduzione (Originale)

Audiodiari di Hollis, 2 Modifica

Frammento 3 Modifica

Seconda parte degli audiodiari di Hollis.

Holl3
Il paziente Doe ha mostrato numerose sculture che ha creato negli ultimi mesi, spesso con foga durante le ore mattutine della notte. Le forme sono a volte strane, spesso incoerenti e occasionalmente vagamente umanoidi. Ha lasciato alcune opere d'arte come regali nel mio ufficio per "apprezzarle". Parole sue. Queste forme mi danno i brividi, per qualche ragione. Alcune di esse mostrano proprietà che non sono ancora state spiegate. Una di essere ha fatto fermato il mio orologio l'interno periodo in cui gli stavo vicino. John Doe dice che "i plasmatori" gli dicono di crearle. Ma quando gli chiedo chi sono e per quale motivo, diventa erratico, spesso trama senza controllo e si rannicchia in posizione fetale, farneticando in una lingua sconosciuta. Devo essere prudente con questo tetro aspetto della sua malattia.
Traduzione (Originale)

Afram Modifica

Questo video è una versione estesa di quello trovato nel telefono di Ben Jackland il 6 novembre, in cui si possono vedere le riprese effettuate da2 un drone. Le coordinate in alto a sinistra portano a Marfa (inversione di "Afram"), famosa per gli avvistamenti di UFO.

Niantic Project. Afram

Niantic Project. Afram . Drone

full

Video (Originale)

NIA.NPLabsRecon.Kureze1 Modifica

Nel filmato è presente un codice QR che porta ad un file audio di Victor Kureze.

Kureze1
"Forse è stato Socrate a dire, nell'antichità, 'la verità non può essere percepita. E anche se potesse essere percepita, non potrebbe essere compresa. E anche se potesse essere compresa, non potrebbe essere comunicata.' La fisica è un mondo di verità e quella descrizione è ancora vera."
Traduzione (Originale)

NIA.NPLabsRecon.Kureze2 Modifica

Nel sorgente della pagina c'è un enigma, ed una volta risolto porta ad un secondo file audio di Victor Kureze. In questo file Kureze parla della materia esotica, confermando le parole di Calvin del 7 novembre.

Kureze2
"La fisica è un mondo di verità e quella descrizione è ancora vera. All'inizio abbiamo pensato che il nostro acceleratore di particelle avesse un malfunzionamento, o che sia stata qualche anomalia elettronica nei nostri monitor. Ma poco a poco abbiamo capito che stavamo assistendo ad un flusso non-casuale di informazioni proveniente dalle particelle subatomiche che stavamo studiando.
Traduzione (Originale)